Conto di base

Richiami Normativi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato un comunicato con cui informa l’avvenuta presentazione del c.d. “Conto di base”, strumento previsto dall’articolo 12, commi 3, 4, 5, 6, 8 e 9, ultimo periodo, del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. Decreto Salva Italia), convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214, la quale limita l’utilizzo di contanti.
Trattasi di un prodotto standard le cui caratteristiche sono state individuate in una convenzione sottoscritta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, Banca d’Italia, ABI, Poste Italiane e Associazione Istituti di pagamento e moneta elettronica e che si inserisce nel quadro delle iniziative assunte dal Governo in tema di lotta al contante e di promozione di strumenti di pagamento più efficienti e risponde a finalità di inclusione finanziaria, garantendo a tutti l’accesso ai servizi bancari di base.

Si tratta di un conto di pagamento pensato per chi ha limitate esigenze di operatività, aperto a tutti, ma offerto gratuitamente per le fasce svantaggiate (ISEE fino a 7.500 euro) e per i pensionati fino a 1.500 euro al mese e che è diventato operativo a partire dal 1° Giugno.

In particolare, si rivolge a:
  • a tutti i consumatori, inclusi coloro che sono già clienti, che hanno quindi già in essere un rapporto di conto corrente;
  • ai clienti con un reddito ISEE annuo inferiore ad euro 7.500, ai quali il conto corrente è offerto senza spese e con l’esenzione dall’imposta di bollo;
  • agli aventi diritto a trattamenti pensionistici fino a 1.500,00 euro mensili, ai quali viene in ogni caso garantita la gratuità delle spese di apertura e di gestione dei conti di base destinati all’accredito e al prelievo della pensione del titolare, ferma restando l’onerosità di eventuali servizi aggiuntivi richiesti dal titolare.

 

Per ulteriori informazioni clicca qui:

Conto base
Conto base Pensionati
Conto gratuito Pensionati
Conto base Svantaggiati